Confronto mutuo: fino a che età è possibile richiederli?

40

Indice dei contenuti

Mutui: tra tutti i contratti esistenti nel mondo della finanza, i protagonisti del nostro sito sono forse tra quelli che vengono regolamentati nel modo più rigido e severo. Orientarsi nel mondo dei mutui, tra agevolazioni, norme e restrizioni non è mai semplice: per questo motivo nasce il nostro blog e le sue guide. Il nostro obiettivo è proprio quello di aiutarvi a scoprire nuove opportunità nel mondo dei mutui. In questa guida, in particolare, vogliamo parlarvi di alcune delle limitazioni legate all’età del richiedente.

Come molti di voi già sapranno i mutui sono spesso richiesti da utenti giovani con progetti importanti a realizzare: la costruzione di una prima casa, la restaurazione di un immobile e così via. Questo ovviamente è dovuto al fatto che i tempi di ammortamenti del mutuo sono molto lunghi. Esistono però dei casi, non troppo rari, in cui un utente più in là con l’età vuole richiedere un mutuo, i motivi possono essere molti ma il dubbio è sempre lo stesso: “fino a che età è possibile richiedere il mutuo?”. In questa guida ci impegneremo a rispondere a questa domanda spiegando quali sono i massimali di età previsti dalle banche e come “aggirarli”.

Introduzione: limiti di età dei mutui, perché esistono?

Non è un mistero che esistano dei limiti di età che le banche pongono sugli utenti che possono accedere ad un contratto per un mutuo; ma perchè esistono questi limiti di età? Scopriamolo.

Come più volte abbiamo avuto modo di sottolineare nelle altre guide che abbiamo pubblicato: per la banca il mutuo è un investimento. Questo significa che l’ente finanziario non vuole in alcun modo scommettere su un investimento poco sicuro: ecco perchè esistono i limiti di età, le garanzie e così via. Per spiegarci meglio: la durata media di un mutuo va dai venti ai trenta anni, se un utente ha già, per esempio, ottanta anni è molto probabile che non possa riuscire a completare il saldo del debito. Le banche si basano sulla statistica: l’età massima media dello stato è quella che viene presa in considerazione per imporre i massimali di età agli utenti che vogliono contrarre un debito. Quali sono i massimali di età? Scopritelo nella prossima sezione della guida.

Qual è l’età massima per richiedere un mutuo?

Ed eccoci alla parte veramente importante della nostra guida di oggi, quella in cui vi diremo fino a che età è possibile richiedere il mutuo. Al momento della scrittura di questo articolo quasi tutte le banche impongono come limite massimo i settanta anni. Ovviamente maggiore è il tempo di ammortamento del contratto, minore sarà l’età massima accettata: ad esempio un utente che richiede  un mutuo della durata di quaranta anni, sicuramente non può avere settant’anni. Alcune banche si spingono fino all’età massima di settantacinque anni, anche se è molto raro come avvenimento. 

I limiti di cui vi abbiamo parlato sono sicuramente molto stretti e, data l’età media della popolazione italiana, comprendiamo come alcuni utenti possano sentirsi esclusi dal mondo dei mutui. Per questo motivo il resto della guida sarà dedicato ai metodi per “aumentare” l’età massima prevista dalle banche.

Come “aumentare” l’età massima prevista dalle banche? 

L’età massima prevista dalle banche, in realtà, può essere aumentata in moltissimi modi differenti. Tutte queste soluzioni, però, comportano dei costi aggiuntivi. Vediamo di che cosa stiamo parlando:

  • Stipulare un’assicurazione sul mutuo, in modo tale che i pochi anni rimanenti possano essere comunque coperti in caso di morte del richiedente.
  • Indicare un garante: una persona (ovviamente più giovane) che possa prendere il posto dell’utente richiedente nel caso in cui non dovesse riuscire a finire di estinguere il suo debito
  • Accorciare il tempo di ammortamento, aumentando la spesa mensile ma diminuendo il tempo totale richiesto per estinguere il debito con la banca.

Queste tre soluzioni sono forse le più gettonate per far fronte la problema “età” nel mondo dei mutui. Ovviamente non si tratta di soluzioni vantaggiose o particolarmente comode, ma sono comunque soluzioni che possono essere adottate.

Alternative al mutuo: esistono?

Ovviamente il mutuo è un finanziamento molto importante che consente all’utente di avere a disposizione molta liquidità. Se si vuole ottenere un prestito quando si è molto in là con l’età (pensiamo, ad esempio, agli over ottanta) è bene limitarsi a contratti più “piccoli”: i prestiti personali, i finanziamenti dagli importi medio piccoli e così via. Queste soluzioni ci permettono sicuramente di aumentare le possibilità di approvazione del contratto perché la somma richiesta è minore e il tempo di ammortamento è decisamente meno importante.

L’importanza di offrire garanzie solide

Un altro ottimo metodo per farsi concedere il mutuo anche quando si ha un’età avanzata è quello di offrire garanzie solide. In questo caso non parliamo di garanzie come la cessione del quinto della pensione o simili (garanzie che comunque sono molto utili per la causa). Stiamo, piuttosto, parlando di ipoteche: beni a lunga durata che possono essere riscossi dalla banca nel caso in cui l’utente non dovesse riuscire a saldare l’intero debito. Le ipoteche sono una soluzione che divide molto gli utenti: salvano dall’insolvenza e aprono molte strade ma, d’altra parte, possono portare a una privazione non indifferente.

Altri consigli per richiedere il mutuo

Gli ultimi consigli che vogliamo darvi, se siete anziani e volete richiedere un mutuo, sono:

  • Cercate soluzioni alternative con i vostri parenti più giovani
  • Valutate l’opzione di creare debiti “modulari” richiedendo piccoli prestiti personali con tempi di ammortamento brevi
  • Valutate sempre molto attentamente i rischi di un’insolvenza, specialmente se nel contratto ci sono anche, come attori, dei parenti più giovani.

Arrivati a questo punto possiamo ritenere conclusa la nostra guida completa in cui vi abbiamo raccontato tutto quello che c’è da sapere sui limiti di età dei mutui. Come ogni volta ci auguriamo sinceramente che le informazioni riportate nella guida vi possano essere utili! Vi consigliamo di dare un’occhiata alle altre guide che abbiamo pubblicato, in particolare quelle dedicate ai mutui per pensionati e ai mutui per anziani: sicuramente possono tornarvi utili. Anche questa volta vi ringraziamo per l’attenzione e il tempo che ci avete dedicato!